Bandiera Blu 2022

Veduta aerea

Veduta aerea

Spiaggia

Spiaggia

Spiaggia

Spiaggia

Lungomare

Lungomare

Piazza Marconi

Piazza Marconi

Terme

Terme

Salina

Salina

Salina

Salina

Salina

Salina

Salina

Salina

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

Zona Umida

IN EVIDENZA

SUNTO DEI LAVORI DI CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DI GIOVEDÌ 28 LUGLIO 2022

Il consiglio comunale di Margherita di Savoia si è riunito in sessione ordinaria nel pomeriggio di giovedì 28 luglio 2022 per discutere cinque argomenti all’ordine del giorno. Erano assenti i consiglieri comunali Savino Tesoro, Grazia Galiotta, Rosa Scognamiglio e Francesco Labranca. La seduta è stata trasmessa come di consueto in diretta streaming sulla pagina Facebook del Comune di Margherita di Savoia.

I punti riguardanti la variazione n. 3 all’elenco annuale dei Lavori Pubblici (relativa alla realizzazione della mensa scolastica e della nuova scuola d’infanzia) ed il rinnovo della convenzione con la scuola d’infanzia paritaria non statale “Albero Azzurro” sono stati approvati all’unanimità dei presenti.

La VI variazione di bilancio ed il bilancio di previsione sono stati approvati con 10 voti favorevoli, uno contrario (Ronzino) e due astensioni (Cusmai e Muoio).

Stesso esito per il quinto ed ultimo punto all’ordine del giorno, che era sicuramente il più atteso e si riferiva all’approvazione dello schema di contratto e disciplinare relativi all’accordo per la fornitura di acque madri e fanghi tra il Comune di Margherita di Savoia e l’Ati Sale Spa: un passo avanti verso la possibilità di uno sviluppo del turismo territoriale e termale che può aprire interessanti prospettive anche per gli imprenditori locali. Il prossimo step sarà infatti la pubblicazione di una manifestazione di interesse per verificare la disponibilità delle imprese ad effettuare il prelievo e il trasporto di fanghi ed acque madri per l’utilizzo delle materie prime ai fini e per gli usi consentiti dalla legge. La discussione in aula ha permesso al Sindaco, avv. Bernardo Lodispoto, di operare alcune puntualizzazioni: «Riguardo il tema delle liberalizzazioni – ha dichiarato – è stata presentata una lettura dei fatti totalmente distorta e lontana dalla realtà che non esito a definire vergognosa: la nostra amministrazione comunale è stata accusata di aver ostacolato il processo di liberalizzazione proprio da parte di chi, in passato, ha determinato questa situazione di monopolio lasciando la cittadinanza all’oscuro di tutto!». Il sindaco ha ripercorso la cronologia degli atti amministrativi evidenziando come la concessione di fanghi ed acque madri fu prorogata con un atto monocratico nel 1998 fissandone la scadenza al 31 dicembre 2021. Va altresì rammentato che nel 2010 l’allora sindaco on. Gabriella Carlucci richiese all’AGCM un parere sulla legittimità di tale atto: nella sua risposta l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato rilevò che fosse auspicabile modificare i criteri di concessione per assicurare un accesso non in esclusiva alle materie prime, ma da allora nulla è stato fatto!».

Il sindaco Lodispoto aggiunge: «Il 28 giugno 2014 gli allora consiglieri di maggioranza Ilaria Barra, Leonardo Lamonaca, Vincenzo Ippolito e Grazia Galiotta presentarono all’attenzione del consiglio comunale una delibera attuativa del processo di liberalizzazione delle risorse termali, che recepiva le richieste n. 38 del 13.12.2010 e n. 32 del 23.5.2014, ma la mozione venne bocciata con il voto contrario degli altri nove consiglieri ddi maggioranza. La nuova delibera bocciava l’attuazione della liberalizzazione in favore del Comune e rivendicava il pagamento delle somme riscosse da Ati Sale per acquisire fanghi ed acque madri dalle Terme negli ultimi dieci anni. In conclusione, sull’attuazione della liberalizzazione proposta dai quattro consiglieri il responsabile del servizio patrimoniale, il responsabile del servizio ragioneria ed il segretario comunale dell’epoca richiesero di precisare il titolo giuridico in base al quale si riporta in capo all’Ente la titolarità dei beni in discussione mentre sulla rivendicazione dell’amministrazione Marrano fu richiesto di specificare il presupposto giuridico per poter richiedere tali somme».

«Alla luce di quanto esposto – conclude il sindaco – questa amministrazione sta facendo il possibile per sbloccare il procedimento e per cercare l’unica via percorribile per avviare un percorso finalizzato a consentire alle realtà imprenditoriali di acquisire fanghi e acque madri per utilizzi diversi dallo scopo terapeutico, che sono gli unici previsti dalla legge: è l’avvio di un percorso che va nella direzione indicata dal Ddl Concorrenza attualmente all’esame del Parlamento e che farà chiarezza almeno fino al 2029. Ma spero che con questo sia chiaro chi è che in questi anni ha remato contro e soprattutto ha determinato il cristallizzarsi di questa situazione».

 

UFFICIO COMUNICAZIONE STAFF DEL SINDACO

I cookie servono a migliorare i servizi che offriamo e ad ottimizzare la navigazione del visitatore.

Facendo click su "Approvo" o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo